Il Traffico Web

Il traffico

Siamo arrivati all’ultimo pezzo della nostra formula:

TT BI = ELPE

Traffico Targhettizzato + Bribe Irresistibile = Enorme Lista di Persone Entusiaste

Per i nostri scopi il traffico significa molto semplicemente il numero di persone che visitano la nostra pagina, il nostro sito in generale, in un dato momento o in un arco di tempo.

Esempio: 10 visite mensili significa che in un arco di tempo di un mese abbiamo ricevuto 10 visite in totale, se queste visite fossero fatte da 10 persone diverse allora in questo caso dovremmo chiamarle visite uniche o visitatori unici.

L’importanza di testare la tua squeeze page

Quindi il traffico che abbiamo generato sul nostro sito deve portare, direttamente o indirettamente, alla squeeze page.

Inizialmente per fare dei test in maniera semplice, il modo più veloce è fare PPC ossia comprare del traffico e mandarlo sulla tua squeeze page.

I due più famosi sono google adwords oppure facebook ads. E quindi questo traffico lo mandiamo dritto sulla squeeze.

Anche se non tutti ne comprendono il motivo, usare il traffico a pagamento, rimane il modo più veloce per testare la tua squeeze page.

Per cui puoi mandare traffico poche ore, o comunque il tempo che approvano il tuo messaggio pubblicitario, a volte puoi attendere anche poco.

Tipologie di traffico

La cosa importante da tenere in mente è che avere più fronti di traffico è sempre meglio che una sola grande fonte di traffico, questo in linea generale.

Esistono 3 tipologie di traffico:

 

Differenze principali tra le varie tipologie di traffico

Essenzialmente il traffico gratuito richiede più tempo e più contenuti rispetto agli altri due.

Il traffico a pagamento, ovviamente richiede un investimento in denaro.

Il migliore è quello di scambio. Infatti il modo migliore per fare subito traffico è quello di trovare dei partner nella propria nicchia di mercato. Non esiste metodo migliore e più veloce per fare molto traffico in poco tempo oltretutto in target.

Si perché esiste il traffico generico rappresenta persone con degli interessi non omogenei.

Dal momento che ci rivolgiamo ad un Avatar con desideri e frustrazioni più precise, il traffico generico è generalmente abbastanza sconsigliato.

Un esempio stupido è che se un utente è appassionati di videogame, magari se mi occupo di tecnologia, può avere un interesse anche su questo tema, quindi è di un settore attiguo, ma se io scrivo di tecnologia non vado a mettere un banner di questo argomento su un sito che tratta ricette di cucina.. a chi interesserebbe?

Quindi tutte le conversioni sia di iscrizione che di Lancio saranno bassissime.

Trucco o buon senso?

Noi invece vogliamo anche meno traffico purché sia targhettizzato, è questo il trucco se così lo vogliamo chiamare così. Se io mi rivolgo a persone specifiche che sono esattamente in target con quello che è l’argomento di cui tratto, mi pare abbastanza scontato che ci sarà un interesse maggiore e di conseguenza tutte le comunicazioni, ed i Lanci, o qualsiasi altra cosa farò avrò risultati superiori rispetto ad un traffico generico.

Questo concetto dovrebbe essere abbastanza intuitivo. E questo singolo fattore inoltre influenzerà tutto il nostro business, voglio dire se iniziamo già dal primo passo con i giusti utenti il resto dei passaggi andranno per forza di cose meglio.

Per cui per tutte le tipologie di traffico che vediamo più in dettaglio, quello che ci dobbiamo ricordare sempre è che sia in target, che gli utenti che atterrano sul nostro sito abbiano gli stessi interessi del nostro Avatar.

Quindi iniziamo a fare attività di promozione sul web per portare traffico ed ovviamente lo invieremo alla nostra squeeze page, il nostro obiettivo è sempre quello di creare la Lista per fare i Lanci o qualsiasi altra strategia abbiamo intenzione di usare.

Questo è uno schema base, ma è molto meglio avere diverse squeeze page una per ogni tipo di traffico.

Perché per ogni link messo “là fuori” ha sicuramente un messaggio specifico, una linea di call to action (chiamata all’azione), o meglio possiamo dire molto semplicemente che vengono da un mindset, quindi un insieme di credenze del momento, che sono differenti per ogni tipo di situazione, e quindi per mantenere alto il livello di conversione della tua squeeze page tu dovresti far corrispondere il copy, il testo e quant’altro nella tua squeeze page affinché tu mantenga questo tipo di mindset.

Risorsa Bonus
Sblocca il Report “Come convertire i visitatori in uscita in clienti”

con un semplice click!

Se parti da Zero

Quali sono le azioni essenziali da cui partire se sei agli inizi?

Una volta che hai impostato la tua Sequenza Iniziale nel tuo autoresponder, la prima cosa che puoi fare, per ottenere subito un po’ di traffico è Guest Posting (ossia pubblicare articoli con un link verso il tuo sito, ma su blog di altre persone, specialmente blog ad alto traffico).

Quando hai raggiunto un numero di iscritti di 100-200 persone puoi iniziare a creare contenuti nel tuo blog, quindi il cosiddetto content marketing.

Pre-Pre Lancio e traffico web

Ora visto che abbiamo parlato di tutte queste strategie di Lancio, il content marketing che dovresti fare è collegato direttamente al tuo Pre-Pre.

Questo è un modo molto più saggio di creare del contenuto, rispetto a quello di crearlo senza sapere dove ti porterà, o detto meglio che non ha uno specifico obiettivo per il tuo utente/iscritto.

Quando queste sono a posto allora puoi estenderti ed integrare ancora altri tipi di pubblicità, a meno che non hai già previsto un calendario di pubblicazioni incrociate.

A questo punto anche se sei già entrato nel tuo Pre-Pre, magari continui ancora a fare Guest Blogging.

Puoi allungare questa fase iniziale di qualche settimana in modo da creare un po’ più di iscritti, questo dipende da te.

Diciamo per pura indicazione che almeno una decina di guest post dovresti tenerli in considerazione.

Conversioni senza Bribe ?

Ora, te lo sconsiglio in linea generale, però se hai davvero difficoltà nel creare il tuo Bribe o magari non hai tempo o non riesci a trovare un ghost writer (letteralmente scrittore fantasma, ossia qualcuno che paghi e ti crea del contenuto)…

allora la cosa più “minimale” che puoi fare è comunque creare una squeeze page dove inviti ad iscriversi alla tua newsletter e scrivi almeno un’e-mail in cui chiedi al lettore qual’è la sua più grossa difficoltà nel settore che hai scelto, in modo che ti aiuti ad identificare con maggiore precisione il tuo Avatar.

Tieni in considerazione che senza un Bribe, quindi senza alcun tipo di incentivo, di spinta, le conversioni della tua squeeze page potrebbero essere abbastanza scadenti.

Io ti consiglio sempre e comunque di prenderti un po’ di tempo e fare le tue ricerche di mercato prima di scrivere qualsiasi cosa.

Abbozzare almeno il tuo Avatar e creare un Bribe.

Una massima di un copywriter famoso diceva che il copywriting è 70% ricerca e 30% creazione.

Ti ricordi di quando abbiamo parlato di testare le squeeze page perché un punto percentuale diventa poi proporzionale al lavoro sul traffico?

Ecco senza un Bribe stiamo giocando al ribasso, per cui la possibilità c’è, esiste, e te ne parlo lo stesso, ma in generale te la sconsiglio.

Risorsa Bonus
Sblocca il Report “Come convertire i visitatori in uscita in clienti”

con un semplice click!

Ancora sui primi passi

Quindi una volta che hai settato il minimo per partire cominci a pubblicare guest post e li mandi sulla squeeze page.

E quando hai un minimo di 100-300 iscritti inizi a creare dei contenuti sul tuo blog, che siano idealmente i tuoi contenuti di Pre-Pre e ti sposti senza perdere tempo al tuo primo Lancio se sai come farli oppure verso una tua offerta.

Addirittura pensa che potresti iniziare senza avere un sito web, puoi iniziare semplicemente con una squeeze page!

Un’ultima cosa.. ovviamente tutte queste fonti di traffico non le fai tutte insieme, ma ne fai una alla volta. E’ un processo di costruzione… un passo per volta.

E quindi porti il traffico una fonte per volta nella tua sempre più ottimizzata squeeze page.

Tutto è sempre una questione di piccoli passi.

Per Approfondire continua su:

 

Roberto Cutillo
 

Ciao mi chiamo Roberto Cutillo. Mi sono definito per oltre 10 anni come un "marketer tecnico", ruolo svolto in collaborazioni one to one . Dopo aver superato un paio di "crisi da pc", e sperando di aver trovato l'equilibrio ottimale tra natura e tecnologia.. in questo blog ti racconto cosa ho imparato in questi 10+ anni sperando che qualcosa la trovi utile ed interessante ;) Ma spero più utile ;D